Il mito di Zeus e Prometeo.

Prometeo Il titano, amico degli uomini, che sfidò il potere degli dei. 

Prometeo è un titano amico dell’umanità e del progresso: ruba il fuoco agli dei per darlo agli uomini e subisce la punizione di Zeus che lo incatena a una rupe ai confini del mondo e poi lo sprofonda nel Tartaro, al centro della Terra. Nato da Giapeto – figlio di Urano e Gea – e da Climene – figlia di Oceano –, Prometeo e il fratello Epimeteo sono Titani, appartenenti alla generazione divina precedente a quella di Zeus e degli altri dei olimpici. Epimeteo è «colui che pensa dopo aver agito» e Prometeo «colui che pensa prima di agire». L’intelligenza e l’inventiva, della furbizia ma anche dell’intrigo, si uniscono all’amore che Prometeo ha per la stirpe umana.

Platone afferma che è stato proprio Prometeo a creare l’uomo dall’argilla in cui è stato inserito un elemento del fuoco divino.
Prometeo è ritenuto anche l’inventore della scrittura, della medicina e dell’architettura, l’ispiratore dell’arte metallurgica e dell’addomesticamento degli animali: attraverso questi doni Prometeo indirizza gli uomini nel cammino verso la civiltà.
Anche tutte le vicende mitiche che lo vedono protagonista sono legate a suoi tentativi di favorire l’uomo – a volte anche con l’inganno – nei confronti della natura o degli dei.

INTERPRETAZIONE TRADIZIONALE
Secondo una versione del mito, quando gli uomini devono decidere in che modo sacrificare agli dei, Prometeo interviene proponendo un’astuzia per ingannare Zeus: da una parte sono poste le parti migliori della vittima, coperte dalla pelle, dall’altra le ossa, coperte di grasso. Zeus, che ha capito tutto, sceglie le ossa, ma la punizione che impartisce è dura: agli uomini, che l’hanno ingannato, viene tolto il fuoco. Prometeo, per questa volta, viene perdonato. Ma il titano non prende sul serio le minacce di Zeus. Alla prima occasione, infatti, ruba il fuoco dall’Olimpo nascondendolo nel cavo di una canna e lo riporta agli uomini. A Prometeo, questa volta, è riservata una punizione esemplare (Eschilo, Prometeo incatenato).
Sulle desolate rupi della Scizia, ai margini del mondo civilizzato, Efesto – su ordine di Zeus che è irato col titano, perché ha disubbidito più volte ai suoi ordini – incatena Prometeo alla roccia. Il vecchio Oceano, padre di Climene, accorre sulla rupe per cercare di mettere pace tra Zeus e Prometeo, ma non vi riesce. Prometeo, anzi, rivela a Zeus di conoscere una profezia segreta sul destino del sovrano celeste, che nemmeno la pena più atroce lo costringerà a svelare. Zeus, furente, fa sprofondare il titano negli abissi al centro della Terra, in un tremendo terremoto. Un’aquila, mandata sempre da Zeus, infliggerà a Prometeo un atroce supplizio, andando ogni giorno a mangiare il fegato del titano, che durante la notte ricresceva. Sarà Eracle a liberarlo. L’eroe greco vaga alla ricerca dei pomi delle Esperidi, quando Prometeo gli offre indicazioni per il suo viaggio oltre le terre del lontano nord e lo avvisa dei pericoli che incontrerà nel ritorno a casa. Per ringraziarlo, Eracle sfodera l’arco e, pregati gli dei, colpisce l’aquila che divorava il fegato del Titano. Liberato, dunque, da Eracle, Prometeo accetterà l’autorità di Zeus.

Sia per influsso del dramma di Eschilo sia grazie alle opere di molti altri poeti, il mito di Prometeo, figura di cui si sono via via eliminati i tratti negativi dell’inganno e della furbizia, ha simboleggiato nei secoli la lotta delle forze amiche del progresso umano e della civiltà contro il potere (anche religioso) che vuole invece bloccare la crescita civile e tecnologica dell’uomo. La lotta prometeica è simbolo di un’opposizione morale alla tirannide e di una sfida – che deve essere portata avanti anche se destinata al fallimento – verso ogni imposizione reazionaria.

INTERPRETAZIONE IMMAGINALE – Selene Calloni Williams
““Il finale del mito ci dice che, compiendo il sacrificio rituale, un eroe può liberare l’eroe prigioniero.
Tutti dovremmo chiederci cosa dobbiamo mettere sull’altare sacrificale per realizzare la nostra libertà.
La vicenda raccontata nel mito di Prometeo pone alla nostra attenzione la questione dell’indipendenza del sapere dal potere. Zeus, infatti, rappresenta il potere e Prometeo – a cui la dea Atena aveva donato la conoscenza di molte arti – rappresenta il sapere.”

Passi di: Selene Calloni Williams. “La sesta stella. La consapevolezza come forza del cambiamento sociale e personale”. Edizioni Mediterranee

SE VUOI SAPERNE DI PIU E APPROFONDIRE IL MITO AD APPROCCIO IMMAGINALE
PASSA ALLA MEMBERSHIP PREMIUM!

THE FOREST THERAPY GUIDE
dal 2 marzo al 29 aprile

THE SHINRIN-YOKU IS EVERYWHERE, IN EVERY INSTANT.
ENJOY THE MAGNIFICENT FORCE OF NATURE AND BE INSPIRED!
The Forest Therapy Guide school is now available in English!
The school will start on the 2
nd of March 2021 and will end on the 29th of April 2021.
It is also a great opportunity to internationalize your work!

Questa scuola è una grande opportunità che ti aprirà il cuore con l’arte del bagno di foresta.
La scuola è interamente in inglese e rilascerà un diploma riconosciuto in Europa e accreditato da AISCON, l’associazione professionale italo-svizzera di counseling e coaching.

Iscriviti
SHAMANIC YOGA LEAP
WEBINAR CONCLUSIVO
GIOVEDI 21 GENNAIO ALLE 20,00

GIOVEDì 21 GENNAIO ALLE 20,00

WEBINAR CONCLUSIVO

Chi si è iscritto in questi giorni e chi si iscriverà tra oggi e il 21
non potrà partecipare a questo webinar,
non avendo praticato secondo le indicazioni specifiche del mese.
Inizierà questo meraviglioso percorso a febbraio con il prossimo
Shamanic Yoga Leap,di cui non è non è ancora stata stabilita la data d’inizio.
Quando lo sarà, sarete immediatamente avvisati, perché riceverete una mail
con le istruzioni per fare tutti insieme un ulteriore Salto!
Il link per accedere alla registrazione del webinar
vi arriverà una settimana dopo, sempre per mail.

DAL SÉ AL COSMO
Trova e realizza il tuo scopo di vita

PER PARTECIPARE CONTATTA LOVE FESTIVAL EVENT


Come ribellarsi al mondo e affermare la propria natura
Ikigai è la manifestazione, la realizzazione di ciò che sei.
È da sempre con te, è un daimon che ti accompagna
sin dal momento del tuo concepimento,
è la tua ragione di vita.
Ikigai viene reso con l’espressione
“ciò che ti rende felice di alzarti dal letto al mattino”,
ed è formato dall’unione di due parole:
iki, che significa “vita” e gai, “ciò che vale la pena”.

Tutte le possibilità della tua esistenza sono già in te, devi solo scoprirle;
il divenire non accade nel tempo, è la scoperta di ciò che siamo.
Essere è una questione di sapere chi siamo, di conoscenza di sé, una conoscenza del cuore.
Diveniamo ciò che siamo nella misura in cui amiamo ciò che siamo.
La vita è un simbolo, una metafora.
La necessità di raggiungere elevati risultati in qualsiasi campo
è relazionata alla forza con cui amiamo noi stessi e la vita.

Ciò che vogliamo raggiungere è la pienezza dell’essere.

L’ikigai deve essere il motto che illumina di gioia le tue giornate,
che ti permette di dormire sereno
e di godere di giornate proficue.

Ciascuno di noi è in missione in questo mondo, ognuno ha un compito.
Lasciar un segno, un ricordo d’amore del tuo passaggio e manifesta bellezza, che, in natura,
è l’espressione dell’amore che unisce fra loro tutte le cose.

ISCRIVITI

Staff di Selene Calloni Williams
(lettori 23 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: