L’Epifania, tutte le feste porta via.

L’Epifania ( che significa rivelazione) è l’adorazione dei Re Magi e anche la festa della Befana, derivata da una festa pagana.  I Re Magi erano Gaspare, che rappresentava l’Asia; Baldassarre, l’Africa; Melchiorre, l’Europa. Seguendo la stella i Magi arrivarono, dall’oriente, forse la Persia, in Palestina. Secondo il racconto di Matteo, Essi arrivarono alla capanna per adorare il Re dei Re.

Secondo la leggenda erano 4, solo però 3 arrivarono insieme ed in tempo, mentre il quarto, che si chiamava Artibano di Ecbatana, arrivò in ritardo, dopo molte disavventure presso la capanna per conoscere Gesù.

I corpi dei Magi attualmente sono sepolti a Colonia in Germania. Per quanto concerne i doni (oro, incenso e mirra) l’oro era segno di regalità, l’incenso segno di adorazione, la mirra segno di umanità. I Magi furono coloro che annunciarono la nascita di Gesù al mondo intero. L’origine della Befana va ricercata nel folklore di alcune parti dell’Appennino italiano e diffusasi poi in tutta Italia. L’origine di questa figura è da ricercare nelle tradizioni agrarie pagane di inizio anno. La vecchia sarebbe la fine dell’anno pronta per essere bruciata e far nascere dalle sue ceneri l’anno nuovo. In molti paesi europei era tradizione bruciare fantocci per inaugurare il nuovo anno. Un’ipotesi più suggestiva e quella di far derivare la Befana da una festa romana che si svolgeva all’inizio dell’anno in onore di Giano e di Strenia da cui deriverebbe strenna, i regali che venivano scambiati fra tutti i presenti.

(lettori 184 in totale)

Potrebbero interessarti anche...