COVID. MAGI: BENE LAZIO CHE VACCINA SANITARI NON OPERANTI IN STRUTTURE SSR.

(DIRE) Roma, 5 gen. – “Tutti gli operatori sanitari in attivita’ nel territorio della Regione Lazio, che non lavorano nelle strutture del SSR, saranno coinvolti nelle prossime settimane nella campagna vaccinale anti SARS-CoV-2. Lo prevede una lettera della Regione inviata a tutti i presidenti di Ordini professionali che operano nella sanita'”. E’ quanto si legge in una nota dell’Omceo di Roma. “Piu’ medici vaccinati – dice il presidente dell’Omceo di Roma, Antonio Magi – significa avere piu’ potenziali medici vaccinatori quindi risolvere eventuali ritardi sulla tabella di marcia delle vaccinazioni. Lo avevamo chiesto alcune settimane fa e siamo contenti di essere stati ascoltati. Il vaccino anti SARS- CoV-2 verra’ infatti somministrato a tutti i medici e odontoiatri. Senza distinzioni di rapporto di dipendenza con il SSR”. Il commento di Magi segue all’iniziativa della Regione Lazio che oggi ha ascritto a tutti i presidenti di ordine: Medici, Odontoiatri, Infermieri, veterinari, Biologi, Chimici e fisici, Psicologi, Ostetrici, Tsrm, Pstrp affinche’ nelle prossime settimane, in fasi successive, tutti i sanitari in attivita’ nel territorio regionale, non operanti nelle strutture del SSR, vengano vaccinati.

“In questo modo- aggiunge Magi– si corregge un errore del decreto ministeriale che escludeva, in questa prima fase della campagna vaccinale, i medici a partiva Iva, gli odontoiatri, gli specializzandi, gli iscritti ai vari ordini medico-sanitari che non sono integrati nella sanita’ pubblica ne’ accreditata. Piu’ medici vaccinati significa avere piu’ potenziali medici vaccinatori e quindi riuscire a risolvere eventuali ritardi sulla tabella di marcia delle vaccinazioni. In questo modo sara’ possibile velocizzare la campagna vaccinale di massa che partira’ quando saranno concluse le inoculazioni ai colleghi e nelle Rsa. Anche se – prosegue il presidente Omceo di Roma – sappiamo che i professionisti vaccinati potranno essere coinvolti per la somministrazione dei vaccini di piu’ facile gestione quando verranno approvati. Per il vaccino Pfizer non sara’ possibile perche’ necessita di una conoscenza e un’esperienza specifica. È infatti un vaccino delicato sia per la somministrazione che per la conservazione”. “Siamo dunque soddisfatti e contenti di collaborare con la regione Lazio- conclude Magi– la quale per individuare il percorso e programmare gli accessi, ci chiede un supporto nella raccolta delle adesioni dei professionisti operanti privatamente e allo stesso tempo di individuare un referente per ciascun ordine professionale a cui fornire le credenziali per la registrazione nel link regionale dei singoli professionisti, con modalita’ che saranno successivamente comunicate. In questo momento storico un medico protetto dal SARS-CoV-2 e’ un medico che puo’ lavorare con maggior serenita’ e attenzione e quindi curare meglio i propri pazienti”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 7 in totale)

Potrebbero interessarti anche...