UNIVERSITA’. CORTE CONTI: SERVE RIFORMA PER DIRITTO ALLO STUDIO.

(DIRE) Roma, 4 gen. – “Assicurare il diritto allo studio universitario per coloro che sono meritevoli ma in situazione di reddito piu’ sfavorevoli significa non solo creare condizioni di pari opportunita’ ma legare l’interesse dello Stato all’indispensabile progresso civile culturale, scientifico ed economico della sua societa’ e al suo rinnovamento”. E’ quanto si legge nell’indagine sul ‘Finanziamento delle borse di studio: il Fondo integrativo borse di studio’ approvata con delibera n. 16/2020/G dalla Sezione centrale di controllo sulla gestione delle Amministrazioni dello Stato della Corte dei conti. In Italia, tuttavia, manca un disegno organico del sistema di welfare rivolto all’istruzione terziaria, sia per favorire l’accesso agli studi universitari, sia per garantirne l’applicazione in maniera uniforme sull’intero territorio nazionale attraverso la formulazione dei livelli di prestazione essenziali. Fra le criticita’ rilevate, anche la mancata copertura delle richieste, con l’inaccettabile fenomeno degli “idonei non beneficiari” e la lentezza delle procedure amministrative, dall’accoglimento della domanda all’effettiva erogazione dell’aiuto.
Dopo aver messo a confronto le esperienze estere (in Italia, nel 2019, solo il 28 per cento dei 25-34enni possiede un’istruzione terziaria, contro una media Ocse del 45 per cento), la Corte osserva: “La finalita’ di garantire il diritto allo studio a tutti gli studenti meritevoli anche se privi di mezzi economici e’ possibile solo incrementando le risorse finanziarie sia statali che regionali” e indica alcune azioni necessarie: dall’ampliamento delle fasce di reddito degli aventi diritto, a misure di agevolazione (della mobilita’, dei canoni di locazione di immobili e dell’assistenza sanitaria gratuita per i fuori sede), dall’avvio di un regime sperimentale che riconosca il reddito di formazione a tutti gli studenti in condizioni particolarmente disagiate, ad una piu’ equa ripartizione della contribuzione studentesca attuata anche attraverso la previsione di una “no tax area”. A seguito dell’emergenza Covid-19 e in previsione della possibile contrazione delle immatricolazioni universitarie, il d.l. n. 34/2020, convertito in legge n. 77/2020, “ha incrementato il Fondo per il 2020 di ulteriori 40 mln di euro, che si sommano all’incremento, per lo stesso anno, di 31 mln previsto dalla l. di bilancio 2020 (l. n. 160/2019)”. Per la magistratura contabile si tratta di un segnale che “sembra andare nella giusta direzione”, riconoscendo “quanto sia necessario il ruolo primario dei governi nella costruzione di politiche compensative”, ma occorrera’ monitorarne l’andamento.
Agenzia DiRE  www.dire.it
(lettori 184 in totale)

Potrebbero interessarti anche...