Cittatrepuntozero sul servizio civile.

Annunciato in pompa magna a dicembre 2019 – urbi et orbi! –
l’accreditamento del comune di Anagni al servizio civile universale: “I
ragazzi che dal 2020 faranno domanda per svolgere il servizio civile ad
Anagni potranno essere impiegati negli uffici turistico-culturali,
presso la Biblioteca comunale e i servizi sociali – queste le
altisonanti parole del primo cittadino. Le parole, anche quelle più
belle, sempre parole rimangono se non vengono tradotte in azioni
programmate e concertate. Così accade che, mentre il 2020 si accingeva a
giungere alla sua conclusione, siano uscite le graduatorie dei progetti
presentati per il servizio civile. Come già successo per altri
finanziamenti il comune di Anagni non figura tra i vincitori. Ma come?!?
Il dubbio ci vede oscillare tra due alternative…non si scappa! Non
sono stati presentati progetti oppure i progetti presentati non sono
stati ritenuti degni di finanziamento? Ormai non ha più senso provare a
sbrogliare la matassa: Anagni ha perso anche questa occasione, infatti
non figura tra i comuni che riceveranno finanziamenti per il servizio
civile, “privando così i giovani di una grande opportunità di lavoro
e formazione” (cit. Sindaco Natalia). Inizia “l’anno dei fatti” (cit.)
per Anagni ed inizia come? Purtroppo con la prima smentita di una delle
tante chiacchiere fatte dall’Amministrazione Natalia: dopo quasi tre
anni da quando questa maggioranza si è insediata la città è ferma al
palo, quello stesso identico palo da cui Natalia&co. avevano proclamato
che dovesse ripartire, a squarciagola e – concedetecelo – con una certa
protervia. Confidiamo nel 2021, anno della rinascita che dovrebbe
condurci fuori da molti dei terribili problemi che hanno attanagliato il
2020 appena concluso.Ci auguriamo che l’amministrazione utilizzi quella
stessa solerzia nell’attribuirsi meriti e risultati – non ancora, oppure
mai, raggiunti nel concreto! – per mostrarsi in grado di presentare dei
progetti finanziabili e finanziati, affinché i nostri giovani ne possano
trarre giovamento, non solo economico. Con le chiacchiere al vento non
ci facciamo proprio nulla e corriamo il rischio di farci urlare con
rabbia di essere “solo chiacchiere e distintivo! Chiacchiere e
distintivo!” (Cit. The Untouchables, “filmone” del 1987
sull’autobiografia di Eliot Ness, l’agente federale che è riuscito ad
arrestare il gangster di Chicago Al Capone ).

movimento cittatrepuntozero

(lettori 189 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: