LAVORO. SMART WORKING, CGIL: BENE L’ACCORDO PER POSTE ITALIANE

(DIRE) Roma, 19 dic. – “Con l’accordo sul lavoro agile in Poste Italiane abbiamo stabilito finalmente una cornice di regole per questa nuovo modello organizzativo del lavoro”. Cosi’ il segretario nazionale di Slc Cgil, Nicola Di Ceglie, dopo la firma del testo di regolamentazione dell’Istituto smart working per il personale del gruppo. “I Lavoratori – prosegue – potranno volontariamente essere assistiti dal sindacato al momento del passaggio in modalita’ di lavoro smart working: in questa maniera abbiamo ribadito il valore della rappresentanza e inoltre abbiamo garantito, con l’accomodamento ragionevole, tutele per il lavoratori fragili”. I sindacati riconoscono unitariamente che si e’ trattato di una trattativa piuttosto complessa, protrattasi nel tempo, e che ha indotto le parti alla condivisione di un testo di intesa recante previsioni di maggior favore per i Lavoratori rispetto ai contenuti della legge istitutiva del lavoro agile. Il rigoroso approccio metodologico e di merito alla trattativa ha permesso di addivenire ad un accordo a valenza contrattuale, da inserire, con gli opportuni ulteriori approfondimenti, nel corpo dell’articolato del Ccnl in fase di rinnovo. Tutte le sigle firmatarie ritengono quindi che l’accordo, con vigenza sino al termine del prossimo anno, sia un importante avanzamento nell’impianto di tutele e garanzie all’interno della piu’ grande azienda di servizi del nostro Paese, a conferma del ruolo determinante del sindacato nell’ambito delle grandi trasformazioni del mondo del lavoro”.

Agenzia DiRE   www.dire.it

(lettori 184 in totale)

Potrebbero interessarti anche...