COVID. ZAMPA: MISURE PIÙ RIGOROSE? DECISIONE NON ANCORA PRESA.

(DIRE) Roma, 15 dic. – “La decisione non e’ ancora stata presa. Ieri sera durante la discussione si parlava di misure parecchio rigorose che servano a fermare molto di piu’ i movimenti delle persone. Misure come quella delle zone rosse e arancioni”. Lo dice la sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa ospite di ‘Radio anch’io’ su RaiRadio1. “Lo sforzo che e’ stato chiesto ieri al CTS- aggiunge- e’ stato uno sforzo di chiarezza e cioe’ quali misure impattano di piu’. Un nuovo lockdown non e’ una zona rossa. Certamente mentre negli altri paesi sono andati in questa direzione da noi no, pero’ la curva non si e’ abbassata in modo sufficiente e necessario”. E continua: “Ecco sicuramente qualcosa non funziona. Le persone non tollerano piu’ questa situazione, sono stanche ed e’ comprensibile ma dobbiamo stringere i denti e resistere finche’ non arrivano i vaccini”. Zampa poi spiega che “noi non saremo gli ultimi ad iniziare a vaccinare. Mancano le informazioni. L’Inghilterra si e’ ritrovata a rallentare moltissimo. Meglio organizzare bene prima. Noi cominceremo da 1 milione e mezzo di persone e lo faremo dal 15 gennaio. In merito alle liste dei vaccinandi, ieri il commissario Arcuri ci ha tranquillizzato”. Infine, “Sulle parole di Sileri credo sia importante che il ministero chiarisca la vicenda. Un piano pandemico c’e’, se quello nuovo non c’e’, c’e’ quello precedente e valgono quelle regole”, conclude.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 183 in totale)

Potrebbero interessarti anche...