SCUOLA. LAZIO, SOS NIDI PRIVATI: UNO SU 5 RISCHIA DI CHIUDERE ENTRO GIUGNO.

AUDIZIONE IN REGIONE, SINDACATI: CRITICITÀ SICUREZZA, SOPRATTUTTO A ROMA (DIRE) Roma, 17 nov. Nel Lazio un nido privato su cinque rischia di chiudere entro la fine dell’attuale anno scolastico. A lanciare l’allarme e’ stato Goffredo Sepiacci, presidente di Aninsei Lazio – Associazione Nazionale Istituti Non Statali di Educazione e di Istruzione, intervenendo stamattina durante la seduta della commissione Istruzione della Regione Lazio sul tema Covid-19 e servizi educativi per l’infanzia che ha visto l’audizione di sindacati e associazioni di categoria come, tra le altre, Gruppo Nidi Infanzia, Onda Gialla, Scarabocchiando e la stessa Aninsei: tra le richieste, la rivisitazione dell’ordinanza della Regione Lazio in particolare sul tema dell’organizzazione a ‘bolle’ delle varie classi. Presente anche Alessandra Troncarelli, assessore regionale alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, che ha concluso i lavori con il suo intervento. Per la categoria, ha spiegato Sepiacci, “e’ una situazione molto difficile: stimiamo che un asilo su cinque non arrivera’ a giugno, a Roma ma anche a Rieti e Viterbo. Questo e’ dovuto al fatto che molte famiglie hanno deciso di non utilizzare i servizi per l’infanzia ma di organizzarsi per conto proprio, oltre alla difficolta’ per gli asili nel ricontrattare gli affitti. Gli unici interventi sono stati quelli regionali, ma abbiamo sollecitato l’Ufficio scolastico regionale, di competenza ministeriale, all’erogazione dei contributi che nel Lazio sono veramente indietro: e’ stato erogato per ora solo l’anno scolastico 18/19 e in queste settimane sta arrivando il 19/20″. Per il presidente di Aninsei Lazio, “infanzia e 3-6 sono in forte difficolta’, sarebbe utile che la Regione individuasse ulteriori fondi per sostenere i nidi: sarebbe un aiuto importante e garantirebbe la sopravvivenza delle strutture. Gli asili nido privati non sono tutti convenzionati con i Comuni, molti sono spazi Be.bi. attivi solo la mattina o il pomeriggio e in questo momento stanno soffrendo molto. Come associazione di categoria- ha concluso Sepiacci- chiediamo alla Regione un ulteriore aiuto, fermi restando i bandi emanati a gli cui associati hanno potuto accedere e per i quali ringraziamo l’amministrazione, chiedendo pero’ al contempo un altro sforzo”.

Per Giancarlo Cosentino della Cisl “ci sono diverse criticita’ nello 0-3, la nuova modalita’ di organizzazione dei nidi incide in modo elevato sui costi del personale. Quando ci avete illustrato la legge sullo 0-3 erano stati promessi finanziamenti per sostenere anche l’offerta del servizio e io chiesi di verificare se era possibile integrare quote di finanziamenti tramite gli enti locali per i maggiori costi dovuti alla pandemia, che richiedono un numero molto elevato di personale da impiegare sia per le strutture dirette che per quelle convenzionate. Per quanto riguarda invece i responsabili Covid, registriamo forti ritardi delle Asl nelle risposte alle comunicazioni, soprattutto il sabato e la domenica”. Massimo Mattei della Uil ha sottolineato che “la nostra preoccupazione in questo momento riguarda la sicurezza e l’organizzazione sul Comune di Roma, perche’ ci si sta muovendo in maniera disarmonica tra Municipio e Municipio. Vorremmo che, come sta facendo la Regione per il personale sanitario, ci sia uno screening continuativo per tutto il personale, si faccia maggiore attenzione ai tracciamenti e si monitorino piu’ attentamente i dpi, per capire se il virus e’ all’interno delle strutture e viene portato all’esterno o viceversa. Senza educatori non c’e’ scuola e la maggiore attenzione va data a loro: spero che su questo la Regione si impegni ancora di piu’ di quanto gia’ sta facendo”.

In questo momento, ha spiegato Troncarelli dopo gli interventi di sindacati e categorie, “con le curve del contagio a livelli altissimi non mi sembra il momento di rivedere l’ordinanza, perche’ il Lazio e’ una delle poche Regioni gialle e questo vuol dire che siamo sulla strada giusta. Per ora manteniamo gli stessi criteri, nel momento in cui si abbassera’ l’indice contagiosita’ faremo sempre in tempo a togliere le bolle e parlare di sezioni”. Sui fondi ai nidi, ha sottolineato l’assessore, “abbiamo mandato delle lettere per i contributi su premialita’ ma ci serve anche il loro aiuto: all’avviso regionale da 3 milioni per le strutture accreditate, su 130-140 nidi hanno risposto solo in 70, mentre il nostro intento e’ quello di arrivare a diffondere il piu’ possibile l’informazione su quello che stiamo facendo. La clausola di premialita’ scatta con assunzioni di personale e con il mantenimento dello standard del livello occupazionale, ora abbiamo rinviato nuovamente le lettere ai nidi e faremo lo stesso sui fondi europei anche per i non accreditati. Chiedo anche alle categorie di sollecitare tutti quelli che non hanno risposto, perche’ mi dispiacerebbe che per una svista o per non aver dato peso alla comunicazione ci siano tutte queste mancate risposte. Il termine per la risposta dei nidi e’ fissato al 20 novembre, valuteremo poi la possibilita’ di erogare nuovi fondi per i rimborsi dei mesi da settembre a dicembre”. Soddisfatta la presidente della commissione Istruzione, Eleonora Mattia (Pd), che chiudendo la seduta ha spiegato che “rispetto alle scorse audizioni questa e’ stata quella con meno criticita’ evidenziate, e questo e’ gia’ di per se’ un fatto positivo”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 177 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: