CCNL Rider. Vincenzo Abbrescia, UGL Rider: “Traguardo storico che finalmente riconosce diritti e tutele ai lavoratori”.

“L’accordo firmato da AssoDelivery e UGL entrato in vigore lo scorso 3 novembre è il primo CCNL del lavoro autonomo tramite piattaforma in Italia e in Europa che riconosce diritti esigibili e concreti ai lavoratori del food delivery. Un traguardo storico che introduce una disciplina a tutela di una categoria finora dimenticata. Al momento non esistono altri contratti possibili, tantomeno ipotesi di revisione. Quello dei rider e del food delivery è un settore merceologico distinto da altre categorie produttive consolidate. Ogni tentativo di assimilarlo alla logistica, o ad altri contratti, è quindi privo di fondamento, sia sociale che giuridico.” Lo ha dichiarato Vincenzo Abbrescia, Segretario Nazionale UGL Rider, presente al tavolo sui rider a cui hanno preso parte Assodelivery, le organizzazioni sindacali e il ministero del Lavoro. “Peraltro, l’annuncio di Just Eat di procedere all’assunzione dei ciclofattorini è interessante ma vogliamo capire meglio. Per ora non c’è nulla di concreto, solo promesse contraddittorie.” Secondo Abbrescia, restano alcuni interrogativi: “Saranno assunti tutti i 3000 rider che collaborano con la piattaforma o solo una parte? Con quali salari? Con quale contratto collettivo? Potranno scegliere gli orari di lavoro? Potranno rifiutare gli ordini? Gli studenti avranno l’autonomia necessaria per proseguire gli studi? Chi lo faceva come secondo lavoro potrà continuare a fare due lavori o dovrà rinunciarvi? L’annuncio di Just Eat è molto importante, ma occorrono risposte immediate, altrimenti potrebbe sembrare solo una mossa competitiva e speculativa. Stante la natura essenzialmente autonoma della prestazione – prosegue Abbrescia – sono gli stessi rider a chiedere di mantenere la flessibilità lavorativa tipica di tale professione che verrebbe meno con la subordinazione. Siamo dunque orgogliosi di aver garantito tutele minime obbligatorie quali un corrispettivo minimo per ogni ora lavorata, indennità per lavoro in orario notturno, un incentivo minimo orario garantito per un periodo di quattro mesi in caso di apertura del servizio in una nuova zona, a cui si aggiunge l’impegno delle parti datoriali a contrastare il fenomeno del caporalato. Al di là delle polemiche strumentali e meramente ideologiche – conclude il sindacalista – si tratta di un passo avanti significativo a beneficio di tutti i lavoratori del settore”.
(lettori 183 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: