COVID. ALTAMEDICA: VINTA BATTAGLIA, VIA LIBERA AI TAMPONI MOLECOLARI DAI PRIVATI.

GIORLANDINO: “D’AMATO FARA’ DI NUOVO RICORSO AL CONSIGLIO DI STATO?”

Roma – “Da oggi Altamedica potra’ eseguire tamponi molecolari per il Covid. Lo ha stabilito una sentenza del Tar del Lazio, che di fatto ha aperto all’esecuzione da parte dei privati dei tamponi molecolari, stigmatizzando nettamente l’operato della Regione Lazio in favore dei cittadini, che potranno eseguire i test in tempi rapidi, senza file, e avere risposte nel giro di 24 ore, con la garanzia di massima affidabilita’. I tamponi potranno essere eseguiti su prenotazione online, con richiesta del medico, anche in assenza di sintomi, a un prezzo inferiore rispetto a quello erogato dalle strutture private delle altre Regioni d’Italia”. Cosi’, all’agenzia Dire, Claudio Giorlandino, direttore scientifico del centro Altamedica di Roma, commentando la sentenza del Tar del Lazio.
“Dopo una lunga battaglia legale- ha spiegato Giorlandino- Altamedica, assistita dagli avvocati Stefano Vinti e Angelo Buongiorno, ha vinto il processo di merito davanti al Tar, che si e’ espresso con sentenza finale. Il Tar aveva gia’ dato ragione ad Altamedica il 15 giugno scorso, mentre il Consiglio di Stato, il 17 luglio, aveva fermato la sentenza del Tar; adesso con una sentenza di venti pagine, in considerazione delle mutate condizioni rispetto al mese di luglio e dell’enorme crisi del sistema pubblico, il Tar ha permesso ad Altamedica di eseguire i tamponi molecolari per il Covid. Altamedica ha la tecnologia piu’ avanzata per l’esecuzione di questi esami e per assicurare il piu’ alto valore diagnostico, la struttura ha infatti ottenuti gia’ diversi brevetti in biologia molecolare e vanta centinaia di pubblicazioni scientifiche in letteratura internazionale. Eseguiamo gia’ tamponi di tipo antigenico, circa 500 al giorno: i test vengono eseguiti in orario serale, dalle 18 alle 23, per garantire l’assoluta protezione e separazione dei pazienti
“Il Consiglio regionale del Lazio- ha sottolineato ancora- si e’ espresso piu’ volte in favore della privatizzazione dei tamponi molecolari, mentre l’assessore regionale alla Sanita’, Alessio D’Amato, si e’ opposto chiedendo al Consiglio di Stato di bloccarci. Adesso fara’ nuovamente ricorso al Consiglio di Stato sapendo che questo danneggia i cittadini?”.
Quanto alla manifestazione di interesse rivolta ai laboratori privati per garantire a un prezzo calmierato l’esecuzione di tamponi molecolari, Giorlandino ha affermato: “Tra i requisiti si richiede l’esecuzione di 5mila esami al giorno, quando lo Spallanzani ne fa 1.000, e la risposta in 24 ore. Inoltre, si legge, costituisce criterio preferenziale di valutazione che il laboratorio interessato sia parte di un’aggregazione tra piu’ strutture distribuite sul territorio regionale. Tutto cio’ non apre il campo ai privati, ma forse solo a un unico privato”.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 198 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: