Covid19: uno studio commissionato dal SMI. Di Cristina Patrizi del SMI Lazio

Di Cristina Patrizi

Responsabile Regionale Area Convenzionata 

Sindacato Medici Italiani  (SMI) Lazio

Roma 22 ott.- <Nel Lazio sono circa 4500  medici di famiglia, con uno studio proprio, generalmente in affitto da soli o con altri colleghi con i quali condividono l’ attività garantendo già da anni 9 ore di disponibilità in una sede unica .Leggiamo dichiarazioni del Commissario straordinario  Arcuri  che afferma : “ i medici di base devono poter effettuare i test nelle case e curare il più possibile i malati, visto che ormai i protocolli sono standardizzati”. E ancora, nel Lazio: l’ Assessore D Amato parla di “accordi raggiunti sui tamponi negli studi”. Parlare di effettuare i tamponi negli studi dei Medici di famiglia è  da irresponsabili. Lo abbiamo già dichiarato  e lo ripetiamo: gravi profili di sicurezza rendono impraticabile questa strada   ( norme igienico sanitarie autorizzative stringenti in caso di diagnostica ad alto rischio infettivo in civili abitazioni), così Cristina Patrizi, Responsabile Regionale Area Convenzionata Sindacato Medici Italiani  (SMI) Lazio illustra lo studio del proprio sindacato sul lavoro di ottobre del MMG nel Lazio (in allegato).

<Nel Lazio non è stato raggiunto nessuno accordo. Solo un’autoreferenziale iniziativa che può mettere a  rischio medici, pazienti, abitazioni di privati cittadini. Il tutto mentre la medicina generale con i suoi 4500  circa medici di famiglia del Lazio è abbandonata, con le migliaia di cittadini in carico ai medici di famiglia, nella casba costituita da una rete territoriale mai costruita  e mai implementata.

Basti pensare che i dati di attività dei medici di famiglia, tutta la mole di attività che ora vi rappresentiamo, nel nostro studio, non sono in rete con la regione Lazio, non sono in rete  con gli ospedali, né con la specialistica ambulatoriale. Ognuno lavora da solo. Eppure il grandissimo ed unico lavoro sul territorio costituito dalle campagne vaccinali  trovano riscontro  nel  grande  impegno della medicina generale, in corso proprio in questi giorni : è un fulgido esempio di come e quanto i medici di famiglia, in tutta Italia, come nel Lazio, sono capaci di gestire (sostanzialmente da soli) situazioni epidemiologiche di rilevanza nazionale e regionale, essendo  in grado di interfacciarsi anche informaticamente con la Regione Lazio, che ha già i nostri dati sulla sua rete.

Dal 1° ottobre al 19 ottobre ben 318.604 vaccinazioni sono state  già effettuate e registrate dai MMG del Lazio ed in piena ondata pandemica, da parte di 3344 medici di famiglia con una media di circa 100 vaccini  a medico in 18 giorni! 9133 vaccinazioni pediatriche effettuate da 211 PIS! In piena pandemia nel Lazio (solo oggi 15mila nuovi casi positivi).

Vogliamo che alcuni dati di attività siano chiari a chi vede purtroppo solo accessi in PS, dato ormai consolidato ed essere indipendente dalla presenza sul territorio dei MMG e/o dalle tanto sbandierate  Case della Salute!

Da uno studio commissionato da SMI Lazio emerge una realtà della medicina generale di drammatico impegno costante sul territorio, del quale nessuno può ulteriormente ignorare il carico.

Sono stati raccolti i dati di attività lavorativa nell’ ultimo mese ( dal 1° ottobre al  20 ottobre 2020), così come messi insieme dai gestionali informatizzati dei MMG, dati facilmente riscontrabili, stante che i MMG inviano costantemente tutta la farmaceutica, le richieste di indagine e la  diagnostica specialistica tutta in dematerializzata, con percentuali superiori al 90% percentuali di dematerializzazione delle ricette che solo la medicina generale ha raggiunto.

La  media settimanale di attività settimanale tarata sugli ultimi 20 giorni di ottobre 2020 e su un  campione di  24 medici di medicina generale  di Roma e del Lazio, per un bacino di popolazione di circa 30.000 persone con una media di pazienti in carico pari a circa 1200 assistiti per medico, per un carico di lavoro da 60 a 70 ore a settimana; in particolare:

337 telefonate /settimanali  ( tra cellulari e telefono fisso)

28 telefonate /sabato e domenica e festivi

194 wps -sms/ settimanali

50 wps /fine settimana

106 mail  / settimanali

175 accessi medi / settimanali agli studi dei MMG

6-8 domiciliari /settimanali

25 segnalazioni  SISP sospetti COVID -COVID/MMG/settimanali

51 tamponi prescritti / settimanali /MMG

Tempo medio di risposta  dei tamponi  (4-5 GG)

Questo è il  Minimum Data Set ,in  tempo Covid  , di un medico di medicina generale!

Cosa abbiamo avuto, di contro , da Governo e Regioni?

  • 38 DPCM  e DL
  • 253 Comunicati stampa del Ministro della Sanità
  • 62 Ordinanze regionali  solo nella Regione Lazio
  • Ordinanze  Protezione Civile
  • Ordinanze Commissario per l’ Emergenza

Nessuna linea guida ufficiale di terapia domiciliare in sospetti COVID

  • Forniture di  DPI sul territorio insufficienti e inesistenti per medici di Famiglia e di Continuità Assistenziale
  • Oltre 1/3 dei 170 medici morti per il COVID sono medici di famiglia (quindi medici del territorio)

Cosa abbiamo denunciato in questi mesi:

  • Decine di denunce ed  esposti alle Procure della Repubblica per inadempienza delle Regioni/ASL   nel predisporre e distribuire DPI ai medici del SSN.
  • Gli ambulatori ASL del SSN hanno chiuso le accettazioni a viste specialistiche che non abbiano urgenza B oppure U.
  • Rigoroso triage in entrata con personale dedicato e vigilanza in tutti i presidi ASL.
  • Impossibile effettuare sul territorio un RX od una ecografia se un soggetto è  febbrile.
  • Rigorosa distinzione dei percorsi in entrata ed uscita da tutti i presidi ASL.
  • Chiusura delle strutture con sanificazione immediata in caso di accesso di un soggetto positivo in tutti i presidi ASL.

Dai MMG si è preteso ed ottenuto reperibilità tutta la giornata e risposte laddove
nessuno  dava riscontri!

  • Nessun ristoro economico per le migliaia di euro spesi in protezione individuale e  dei nostri assistiti.
  • Nessuna ufficializzazione di analoghe modalità di ricevimento per gli assistiti (triage, appuntamenti etc.) dei MMG;
  • Nel  Lazio, addirittura , ogni modalità per videochiamare i pazienti è a carico del MMG;
  • Nessuna copertura assicurativa (che non sia l’ ENPAM con i suoi ritardi e complessità) in caso di chiusura studio per positività.
  • Nessun indennizzo alle famiglie in caso di decesso per contratto COVD in servizio (INAIL)
  • Controlli ambulatoriali, in telemedicina e anche al domicilio ( in spregio ad ogni regola basilare di sicurezza per il medico di famiglia)  su appuntamento.
  • Segnalazioni sospetti covid  e relative certificazioni.
  • Monitoraggio sospetti covid e relative  certificazioni.
  • Diagnosi  e cura  dei pazienti  covid e sospetti COVID al domicilio  nell’ assenza di LG univoche e  nazionali.
  • Monitoraggio quotidiano  dei pazienti covid positivi.
  • Abituale prosecuzione cura per i pazienti  cronici  ed oncologici

In conclusione:

Se qualcuno ancora pensa che oltre ad aver lasciato sul campo più di un terzo dei 170 medici morti, la medicina generale possa subire ulteriori “assalti” da parte dei Decisori politici regionali e/o nazionali, con la compiacente accondiscendenza di quelle organizzazioni che pure la dovrebbero rappresentare, ebbene, pensate a cosa accadrebbe se quei numeri che qui vi abbiamo rappresentato, dovessero ricadere sulla insostenibile trasparenza di una rete assistenziale colpevolmente mai strutturata!

I numeri della medicina generale sembrano leggeri perché non transitano con luci rosse e le divise a strisce dell’emergenza, ma affogano nei nostri studi nelle abitazioni che noi mettiamo a disposizione, pesano come macigni  sulle spalle dei nostri collaboratori che, affranti ci supportano (a nostre spese) e sulle ore di lavoro infinite sottratte all’ormai inesistente tempo libero e strappate alle nostre giornate di malattia prive di qualsiasi tempestiva tutela.

Speriamo che la forza e la passione della medicina generale possa  reggere alle tante distonie che il COVID ha solo messo in risalto.

La debolezza del rapporto convenzionale  con il SSN ha aggravato la disomogenea risposta del SSN alla pandemia.

Se non si realizza, nei fatti, la connessione concreta tra medicina del territorio, ospedalità, centri epidemiologici di prevenzione e specialistica ambulatoriale, sarà difficile, seppur tutta sulle spalle dei medici e degli uomini e donne del SSN, la lotta, che pure  vinceremo, contro il COVID.

1 Dati_MMG_norm

2 Dati_MMG lavoro ottobre

—————– 

 

L’Ufficio Stampa SMI

Giuliano Pennacchio

Giornalista pubblicista

ufficiostampa@sindacatomedicitaliani.it

http://www.sindacatomedicitaliani.it/

(lettori 208 in totale)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: