LIBRI. AL VIA IL MODENA BUK FESTIVAL: 50 CASE EDITRICI E 30 INCONTRI.

DA VENERDI’ A DOMENICA NEL LABORATORIO APERTO (DIRE) Roma, 14 ott. Riparte in presenza Modena Buk Festival, la storica kermesse della piccola e media editoria nazionale in programma da venerdi’ 16 a domenica 18 ottobre, nel Laboratorio Aperto di Modena. La 13esima edizione, diretta come sempre da Francesco Zarzana, ospitera’ una cinquantina di case editrici indipendenti di tutta Italia e proporra’ trenta incontri. La rassegna sara’ aperta venerdi’ con il Gala Buk 2020, alle 21 nella Chiesa di San Carlo a Modena: protagoniste l’attrice Veronica Pivetti, a cui va il Premio Speciale Buk 2020, e il soprano Susanna Rigacci, dal 2001 voce solista di Ennio Morricone nei concerti e tour mondiali del Maestro. Nella stessa serata si proiettera’ in anteprima il cortometraggio ‘Conciliare stanca’ contro la violenza sulle donne, diretto da Francesco Zarzana protagonista l’attrice Carmen Di Marzo. Mentre e’ ‘Les hirondelles de Kaboul’ (Le rondini di Kabul), il film d’animazione delle registe francesi Zabou Breitman ed Ele’a Gobbe’-Me’vellec ad aggiudicarsi il primo concorso di Buk Film Festival: sara’ proiettato sabato 17 ottobre a Modena, Sassuolo e Castelfranco Emilia, con introduzione della giornalista Barbara Schiavulli, a lungo inviata in Medio Oriente.

Fra gli autori protagonisti a Buk Festival 2020 ci saranno Maria Giovanna Luini, a lungo al fianco di Umberto Veronesi e a Modena con l’ultimo saggio, “La via della cura” (Mondadori), e Clare Mulley, autrice del thriller biografico “La spia che amava” (21Lettere), e ancora il giornalista Gianluigi Schiavon con “Rapkopa” (Giraldi), la poetessa Alessia Natillo con “Coltivo ortiche” (Acar), l’accademico Fabio Masini con “Diario dell’integrazione europea” (Franco Angeli), mentre il direttore artistico Francesco Zarzana in anteprima assoluta presentera’ “Iscariota”, una rilettura fra storia e fiction della figura di Giuda, edito Progettarte, in libreria dal 16 ottobre. L’Iscariota, con i suoi misteri, e’ una figura-chiave nella vita terrena di Gesu’ di Nazareth. Poco citato nei Vangeli se non nell’esclusiva accezione del traditore, qui si racconta in prima persona: l’indagine ci porta ad esplorare le ragioni del tradimento piu’ eclatante della storia dell’uomo accostando varie posizioni teologiche, prima fra tutte quella del Papa Emerito Benedetto XVI.

Agenzia DiRE  www.dire.it

(lettori 1 in totale, 1 lettori di oggi)

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: