SISMA, I MAPRE CONSEGNATI AD AMATRICE SONO USATI E SENZA REQUISITI. QUADRINI:”E’ VERGOGNOSO”.

Frosinone, 1 febbraio 2017. Continuano i ritardi e le difficoltà nell’emergenza terremoto del centro Italia. I Mapre moduli provvisori per gli allevatori risultano essere strutture abitative usate, sanitari compresi, come ha denunciato il sindaco di Amatrice Pirozzi che reclama il bisogno di poteri straordinari e veloci. “Accordi disconosciuti e una continua presa in giro per le persone colpite duramente dal sisma da parte di questo governo di sinistra che anziché snellire e velocizzare le pratiche e le procedure amministrative rende ancora più gravosa la situazione. Troppi i fronti ancora aperti e ora l’ultimo che ha dell’incredibile arriva con la segnalazione dei Mapre consegnati ma usati. Non è accettabile che questa gente che ha già sofferto tanto debba ritrovarsi per anni a vivere in moduli già utilizzati che non rispettano i requisiti. E’ vergognoso il comportamento di questo governo che non fa il bene delle persone. Un malgoverno che ha dato prova fin troppo della propria incapacità di amministrare il paese e di fronteggiare le emergenze” –dichiara il Presidente della XV Comunità montana Gianluca Quadrini.

Il confronto lampante che balza agli occhi è quello del sisma del 2009 nell’aquilano quando il governo Berlusconi sin da subito presente fisicamente su quei luoghi mise in atto azioni concrete per evitare ai cittadini il più possibile le conseguenze tragiche di quell’evento. Con l’aiuto della protezione civile allora guidata da Bertolaso ha costruito case nuove per quasi 30mila persone. Invece con Renzi e Gentiloni l’attenzione sulle condizioni dei terremotati passa in secondo piano creando uno sfregio a tutti coloro che in questa atroce sfortuna si ritrovano nell’incertezza di un futuro sempre più amaro”.

Venerdì prossimo 3 febbraio mi recherò in prima persona alla volta delle frazioni di Amatrice in una nuova spedizione congiunta tra varie associazioni del nostro territorio, un’iniziativa benefica che vedrà coinvolti ben 30 automezzi per consegnare i beni raccolti grazie alla generosità della nostra gente. L’intenzione è di alleviare seppur in parte e per quel che possiamo questo forte dolore. Credo fortemente nella politica dei fatti, consapevole che i grandi risultati si ottengono trasformando le parole in azioni vere e reali” -conclude il Presidente Quadrini.

Ufficio stampa

Gianluca Quadrini

Presidente XV Comunità Montana

Potrebbero interessarti anche...