Oroscopi, un altro anno di previsioni mancate.

“Non è vero, ma ci credo”: lo dicono in tanti a proposito di leggende metropolitane, supposizioni fantasiose e oroscopi. Tutte categorie prive di fondamenti scientifici, a cui però si presta ascolto malgrado la totale inattendibilità. Proprio a proposito degli oroscopi,  il Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze (CICAP), fondato nel 1989 per iniziativa di Piero Angela, si è dedicato a una scrupolosa verifica delle previsioni rilasciate da astrologi e veggenti alla fine del 2015 e nel corso del 2016. Una delle attività più amate e attese da chi segue l’opera dell’associazione e che anche per il 2016 riconferma “quanto sapevamo: non è possibile prevedere il futuro“.

“Non si tratta di una vera e propria indagine scientifica, che richiederebbe ben altri mezzi, ma serve a ricordare che gli astrologi, raramente messi davvero alla prova, non sono in grado di prevedere assolutamente nulla”,  osserva Massimo Polidoro, psicologo, scrittore e segretario nazionale del Cicap. “È molto facile fare previsioni se nessuno poi le controlla. Noi invece lo facciamo da oltre vent’anni, anche se nella maggior parte dei casi possiamo solo dire che la previsione è così vaga e generica che non si può nemmeno smentire. Dire che nell’anno nuovo “morirà una persona famosa” o “ci sarà una catastrofe” non sono previsioni, ma ovvietà“.

Quando invece la previsione è sufficientemente circostanziata, la verifica è quasi sempre negativa. “Il quasi è d’obbligo, perché sbagliare davvero sempre è improbabile” commenta Stefano Bagnasco, fisico dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e coordinatore del Gruppo di Studio sull’Astrologia del Cicap. “Non è difficile fare qualche previsione scontata grazie al buon senso. Vladimir Putin notoriamente non è un pacifista, e si può facilmente supporre, come ha fatto una famosa astrologa, che nell’arco di un anno che si prospetta movimentato possa “prendere iniziative bellicose”. A posteriori, non sarà difficile trovare qualcosa di sufficientemente bellicoso per poter classificare la previsione come azzeccata”.

Nessuno ha previsto Trump

“Arrivando al dunque”, spiega Sonia Ciampoli, coordinatrice dell’ufficio stampa del Cicap e responsabile della raccolta delle previsioni, “diciamo subito che grandi sorprese non ce ne sono state, e sì che il 2016 è stato un anno ricco di eventi che qualcuno in stretto contatto con le stelle avrebbe dovuto conoscere in anteprima. E invece nessuno dei veggenti e astrologi che abbiamo seguito ha previsto, per esempio, la vittoria del Portogallo agli Europei di calcio 2016, o la vittoria di Trump alle elezioni americane“.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Potrebbero interessarti anche...