MSGC: Fare Verde ottiene l’intervento del Ministro per l’Ambiente e la Sostenibilità.

La Direzione Generale per la Salvaguardia del Territorio e delle Acque del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in seguito alla richiesta di Fare Verde sull’uso sostenibile delle risorse idriche sul territorio di Monte San Giovanni Campano (FR) interviene direttamente per la questione del razionamento idrico,  per la depurazione delle acque reflue urbane e per le concessioni di derivazioni d’acqua.

Con nota STA del Registro Ufficiale Prot. 0000168 del 5.01.2017 la Direzione Generale per la Salvaguardia del Territorio e delle acque ha scritto alla Regione Lazio, all’Autorità di bacino Appennino Centrale, all’Autorità Ambito Territorio Ottimale, all’Associazione Fare Verde  e all’Ufficio di Gabinetto rimettendo “la questione agli Enti di indirizzo affinché ognuno, per la parte di rispettiva competenza, provveda a dare diretto riscontro all’Associazione Fare Verde e per conoscenza alla scrivente Direzione Generale in merito alle concessioni di derivazione d’acqua, alle cause della turnazione del servizio di acquedotto e dell’inadeguatezza del sistema depurativo e sulle eventuali misure ed interventi previsti per risolvere tali criticità”.

Fare Verde da parte sua oltre ad esprimere grande soddisfazione per la  presa di posizione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare in difesa della popolazione e dell’Ambiente  richiama l’attenzione del Consigliere Comunale Delegato all’Ambiente di Monte San Giovanni Campano ricordandogli che ancora non ha trovato il tempo di intervenire in difesa dei Monticiani deliberatamente accusati di ostruzionismo dal gestore del servizio idrico integrato nel  contenzioso aperto da Fare Verde presso l’Autorità Garante per l’Energia Elettrica il Gas e il Sistema Idrico.

Certo è che la situazione non potrà migliorare nel giro di breve anche perché la nostra Associazione è consapevole che non c’è  nessuna azione in corso per migliorare la situazione dell’acquedotto Comunale colabrodo. Da ora in poi, però, i MONTICIANI  saranno informati e diventeranno consapevoli che in Provincia di Frosinone ci sono Comuni che vengono trattati meglio o che addirittura non sanno cosa sia il razionamento idrico anche se i loro acquedotti versano nelle stesse condizioni di quello presente a Monte San Giovanni Campano.  Fare Verde  dimostrerà l’inequità della distribuzione dell’acqua potabile e pretenderà che le sofferenze relative alla privazione di acqua vengano spalmate anche a chi non soffre nel principio “Soffrire tutti  soffrire meno”.

Fare Verde  ricorda infine che è responsabilità di tutti, anche nel rispetto delle future generazioni, tutelare le risorse idriche ed infatti quando l’acqua potabile viene sprecata per anni da un acquedotto colabrodo ciò vuol significare che viene cercato solo il guadagno senza alcun investimento  e quindi  non c’è alcun rispetto per l’Ambiente e per chi paga le bollette profumatamente.

Fare Verde provincia di Frosinone




 

Potrebbero interessarti anche...