(LZ) SANITÀ. IDI: IN PRIMA LINEA CONTRO MALATTIE RARE DERMATOLOGICHE.

(DIRE) Roma, 27 feb. – In Europa una malattia e’ definita rara quando colpisce meno di una persona su duemila; nel nostro Paese le malattie rare riconosciute sono circa 450. L’occasione della celebrazione della X Giornata mondiale delle Malattie rare porta a riflettere su numeri cosi’ importanti. Cosi’ in un comunicato l’Idi. “In dermatologia- dichiara Mariapia Garavaglia Presidente dell’Idi- il nostro impegno per la ricerca e la diagnosi delle malattie rare e’ totale, considerato il disagio fisico e psicologico che esse comportano. Il centro malattie rare dermatologiche del nostro Istituto si occupa principalmente di malattie bollose autoimmuni e delle genodermatosi: circa 900 accessi registrati nel 2016. Il gruppo piu’ numeroso di pazienti trattati e’ quello con patologie bollose autoimmuni, rappresentate da penfigo, pemfigoide bolloso, pemfigoide benigno delle mucose, dermatiti erpetiforme, ittiosi congenite, le epidermolisi bollose ereditarie, la malattia di Darier. In un momento storico che ha visto giustamente il riconoscimento di molte malattie rare nei Lea, credo che si debba porre maggiore attenzione alle patologie che colpiscono la pelle. Per questo il nostro Istituto da tempo studia e cura, con trattamenti sperimentali, ma efficaci, l’idrosadenite suppurativa e l’epidermolisi necrotica. Giornate di studio nazionale, come quella che domani si celebra, daranno un grande impulso nell’opinione pubblica e tra gli operatori sanitari. La giornata ricorda a tutti che le malattie sono rare quanto a diagnosi e cura, ma sono moltissime le persone colpite con gravi ricadute socialmente rilevanti. Non e’ mai sufficiente l’apprezzamento per i ricercatori e gli operatori che vi si dedicano”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Potrebbero interessarti anche...