(LZ) SANITÀ. ABBRUZZESE: SITUAZIONE IN PRONTO SOCCORSO AL LIMITE.

(DIRE) Roma, 17 gen. – “Comprendiamo la necessita” del presidente Zingaretti di minimizzare la realta” dei fatti, ma purtroppo stavolta e” davvero troppo evidente. Le criticita” della sanita” sono visibili a tutti, ora l”afflusso straordinario nei nostri pronto soccorso, registrato in quest”ultimo periodo, ha soltanto aggravato la situazione, gia” particolarmente difficile. La Ciociaria e” una delle province piu” penalizzate: i ps principali come Frosinone, Cassino, Alatri e Sora sono in affanno. Ora, la Regione prova a correre ai ripari annunciando l”arrivo di nuovi infermieri. Onestamente, Zingaretti e la sua maggioranza devono rendersi conto che adottare misure spot, peraltro fuori tempo massimo, non migliora in maniera incisiva le condizioni attuali. Infatti, le cause principali di questi reiterati disagi sono rappresentate dalla totale assenza di programmazione da parte della regione, dovuta al mancato ascolto delle istanze dei territori. Si vive in balia degli eventi: per esempio i ps si intasano nel periodo delle festivita” natalizie per l”influenza, e sistematicamente ogni anno si ripetono episodi di emergenza, con la regione che non e” stata in grado di effettuare il benche” minimo passo in avanti. Inoltre, le misure alternative, che dovevano evitare l”ulteriore ”ingolfamento” dei ps, si stanno rivelando un”autentica delusione. Pensiamo alle case della salute o agli ambufest. Infine, ci sono problematiche irrisolte come la carenza di personale, di fronte alle quali il governatore si sta dimostrando davvero inerme. Quindi, come abbiamo piu” volte ripetuto, la politica degli annunci, degli impegni presi e non rispettati ha fatto il suo tempo. Adesso il governatore, se ne e” in grado, deve capire che i cittadini vogliono vedere i fatti”. Cosi” in un comunicato Mario Abbruzzese, consigliere regionale di Forza Italia del Lazio e presidente della Commissione Speciale Riforme Istituzionali.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Potrebbero interessarti anche...