L’Isis rivendica la strage di Istanbul.

C’è la mano del Califfato di Abu Bakr al-Baghdadi dietro l’attentato che ha sconvolto la Turchia nella notte di Capodanno. Dopo oltre 30 ore, l’Isis ha infatti rivendicato l’azione terroristica nel locale di Istanbul, che ha causato 39 vittime ed oltre 70 feriti.

Nella rivendicazione, i seguaci di al-Baghdadi attaccano la Turchia “serva dei crociati” e celebrano l’attentatore, “un eroico soldato del califfato”, che ha colpito “il più famoso nightclub dove i cristiani stavano celebrando la loro festa apostatica”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Potrebbero interessarti anche...