IL PRESIDENTE D’AMICO: “UN PIANO PER IL COMMERCIO E PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE SE PENSANO CHE NON ALZEREMO LA VOCE SI SBAGLIANO DI GROSSO, TUTTI”.

logoconfimprese“Il presidente della Bce Mario Draghi è stato chiaro: “Più investimenti in infrastrutture e meno tasse sul lavoro”. Parole che evidenziano la preoccupazione per la crescita che resta in fase di stallo. Credo che nel mondo globalizzato nel quale viviamo è importante cercare di tenere tutto insieme, perché nessuno ce la fa da solo.

Bisogna avere il coraggio di dire le cose come stanno: perfino i tavoli vengono soltanto annunciati e qualche riunione sporadica non può fare la differenza. Non voglio tornare sulla necessità di risposte rapide ai 352 lavoratori della Vertenza Frusinate (che tra poco più di un mese resteranno senza ammortizzatori sociali), non voglio tornare sull’urgenza di chiedere davvero, con forza e convinzione, l’istituzione di un’Area di Crisi o di una Zona Economica Speciale. Non voglio tornare sull’inevitabilità di prendere atto del fallimento dell’Accordo di Programma.

Ma non voglio neppure fare finta di non vedere. Questa provincia ha bisogno di incentivi fiscali, di semplificazione burocratica, di infrastrutture vere. Ma anche bisogno di porre all’attenzione la drammatica situazione delle micro-imprese, delle piccole e medie aziende e del commercio. La spina dorsale della nostra economia è stata questa per decenni. Oggi si fa finta di non vedere che le piccole imprese non ce la fanno, che tante sono state costrette a chiudere. Signori, parliamo di famiglie che si ritrovano senza reddito dall’oggi al domani, di genitori che non sanno come “campare” i figli. Stesso discorso per il commercio: quanti negozi hanno chiuso e stanno chiudendo nell’indifferenza generale?

Non mi piace puntare l’indice e detesto il clima da “caccia alle streghe”, ma non si può continuare a tacere. In questa provincia c’è anche un problema di rappresentanza, con associazioni e sindacati che hanno dovuto piegarsi alla logica di un accorpamento con Latina e con altre province. Potrei sorvolare e dire che il problema non riguarda ConfimpreseItalia, ma che senso avrebbe? Ce la dobbiamo fare tutti insieme. Purtroppo però, da un lato debbo constatare che agli impegni non seguono mai i fatti e se qualcuno non si rende conto che Area di Crisi e Zona Economica Speciale sono le uniche risposte vere, allora è davvero preoccupante.

Dall’altro un Piano del commercio e un Piano per le piccole e medie imprese dovrebbe rappresentare la priorità del dibattito politico, economico e sociale. Anche nei Comuni, ma non limitandosi certo alla sola campagna elettorale. Le risorse sono poche? Vero, ma piangersi addosso non risolverà nulla. Perché in altre parti d’Italia si mettono in campo iniziative a sostegno del commercio cittadino? Stabilendo sgravi fiscali per chi, ad esempio, investe nei centri storici o in quelle periferie prive di qualsivoglia servizio?

Perché altrove si studiano misure che vanno ad incentivare gli insediamenti industriali, magari pure piccoli, attraverso sconti sulle tasse sugli immobili o sui capannoni? E da noi mai?

Non ci sto più a fare finta di nulla. Non ci sto più perché il tempo è scaduto e questo territorio ha bisogno di risposte che vengono sempre e soltanto annunciate e mai date.

ConfimpreseItalia ha avanzato proposte, si è messa in fila, ha aspettato pazientemente riscontri e risposte. Ci aspettavamo molto di più. Ma se qualcuno pensa che non faremo sentire la nostra voce, beh, si sbaglia”.

Il Presidente

Dott. Guido D’Amico

Potrebbero interessarti anche...