CODICE APPALTI. DELRIO: DECRETI ATTUATIVI? SIAMO A BUON PUNTO.

(DIRE) Roma, 14 gen. – “Siamo a un buon punto. I decreti gia’ fatti sono sette, sta per essere pubblicato l’ottavo e altri sei o sette sono in fase finale di lavorazione”. Risponde cosi’ il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio sullo stato dei decreti attuativi della legge del nuovo Codice degli appalti in un’intervista concessa a Riccardo Iacona per la puntata di Presadiretta “Appalti fuori controllo”, in onda lunedi’ 15 gennaio alle 21.15 su Rai3. E sulla riduzione delle stazioni appaltanti prevista dal nuovo Codice il ministro rassicura: “Questo e’ un punto centrale, noi l’abbiamo gia’ inviato a Palazzo Chigi che sta terminando le sue ultime osservazioni. Sono gia’ state inviate sei mesi fa, poi e’ stata fatta una nuova revisione, adesso c’e’ la revisione definitiva. Palazzo Chigi mi ha promesso che in pochi giorni lo licenzia. A giorni dovrebbe terminare il nostro iter e quindi dopo ci sono i 20 giorni del Consiglio di Stato”. “Contiamo di stare sotto le 5mila – spiega il ministro – c’e’ una fortissima riduzione rispetto alle 35mila, potremmo arrivare anche a 3500 come previsione”. La data finale in cui avremo le 5mila stazioni appaltanti “dipendera’ molto dalla capacita’ delle amministrazioni di fornire la documentazione in tempo reale. Pero’ nel momento in cui c’e’ il decreto bisogna che si adeguino rapidamente” continua Delrio. “Poi c’e’ un punto che io rivendico con orgoglio, il fatto di avere finalmente voluto che andasse a gara il progetto esecutivo e non piu’ un progetto preliminare che comportava varianti delle imprese, maggiori costi. Il codice appalti ha determinato nel suo primo anno di attuazione un aumento del 65 per cento dell’importo dei bandi di progettazione. Cioe’ vuol dire che il paese si e’ messo sulla strada giusta come fanno i francesi, come fanno gli altri. Cioe’ di mandare a una gara solamente un progetto esecutivo e non un progetto fantasioso, una cartellina vuota. Quindi questa roba qua ci dice che il codice ha stimolato finalmente le societa’ di progettazione, ha stimolato gli incarichi di progettazione. Anas, che e’ una mia societa’, faceva zero incarichi di progettazione era tutta una cosa affidata alle imprese. ANAS quest’anno fara’ 80 milioni di affidamento di progettazioni. Diciamo gli enti pubblici hanno piena contezza e responsabilita’ del processo. Noi dobbiamo fare in modo che lo stato non sia il bancomat di aziende che non sanno fare il loro mestiere”.

Uno dei cavalli di battaglia del ministro e’ stato quello di annullare la scelta dei progetti col criterio del massimo ribasso poi pero’ il governo ha deciso di alzare la soglia a 2 milioni di euro per i progetti a cui ancora si puo’ accedere solo con questo criterio: “Si e’ scelto dopo il primo anno di applicazione di dare questa facolta’ di aumentare questa soglia per accompagnare il processo di adattamento all’abbandono al massimo ribasso che era una vera anomalia italiana”. A tal proposito il presidente dell’ANAC, Raffaele Cantone, aveva espresso le sue perplessita’ parlando di una sorta di boicottaggio nell’applicazione del Codice. “Credo che Raffaele Cantone abbia molti elementi per poter dire questo e posso confermarlo. Questa legge e’ stata avversata molto perche’ determina molta piu’ trasparenza, fa una lotta profonda al tema corruttivo e molti erano abituati a regole variabili o a una eccessiva discrezionalita’. Quindi io credo che abbia centrato con la sua diagnosi”.

Agenzia DIRE  www.dire.it

Potrebbero interessarti anche...